Ungaretti’s Dead Comrade Identified? – An Article by Mario Colombo

silcivegliaOne hundred years ago today, on the 23rd of December, 1915, Giuseppe Ungaretti wrote what would become one of the most famous Italian poems of the First World War,  the very short but infinitely moving “Veglia” (“Vigil”). The 27-year-old poet had spent the previous night in a trench atop Monte San Michele (near the present-day Italian-Slovenian border), under a full moon, next to the body of a recently killed comrade. “Veglia” takes its inspiration from this grisly experience, a prolonged close encounter with death that is nevertheless transmuted by the poet into a tenacious celebration of life.

As a result of my creation of a comics adaptation of an English translation of “Veglia” by Marco Sonzogni and Ross Woods of the New Zealand Centre for Literary Translation, I was recently contacted by Mario Colombo, a native of Borsano (Busto Arsizio) in Northern Italy, who, after much in-depth investigation, believes he has discovered the identity of the dead soldier next to whom Ungaretti held his macabre vigil. As Colombo demonstrates in the article below, the soldier was almost certainly Simeone Silci, a 33-year-old man from Borsano who was drafted into the 19th Infantry Regiment, into which Private Ungaretti had enlisted as a volunteer. A foundling in the Brefotrofio (foundling institute) in Milan, Silci was adopted by the family of Giovanni Puricelli, a weaver in Borsano. At the age of 23 he married Adele Caprioli, and left three children behind at the moment of his death, which probably occurred in the early evening of December 22, 1915, while on a patrol mission.

For those of you who read Italian, I have posted Mario Colombo’s moving and exhaustively researched article below:

(To see my comics adaptation of Veglia, and other WWI poems by Ungaretti, both in the original Italian and in English translations by Sonzogni and Woods, click here: https://julianpeterscomics.com/veglia-by-giuseppe-ungaretti/)

“Veglia” di Ungaretti. Identificato il compagno morto?

di Mario Colombo

 Borsano, che oggi è frazione di Busto Arsizio, durante la Grande Guerra era un piccolo comune con meno di duemila abitanti. Nel corso della guerra furono chiamati alle armi 286 suoi cittadini delle leve dal 1876 al 1900 e 34 di loro persero la vita[1]. Il primo di questi fu Pietro Colombo, venticinquenne morto il 2 dicembre 1915 per malattia nell’ospedale da campo 230 a Langòris (ora detta Angòris) nei pressi di Cormòns[2], mentre il primo caduto “per ferite riportate in combattimento” fu Simeone Silci, la cui storia è molto speciale. Il cognome insolito e con la stessa iniziale del nome è chiaro indice della sua origine: trovatello del Brefotrofio di Milano o, come si usava dire, figlio dell’Ospedale o figlio di Santa Caterina, poiché il brefotrofio dipendeva dall’Ospedale Maggiore e si trovava nell’ex convento di Santa Caterina alla Ruota[3].

Nato il 13 aprile 1882, dopo il battesimo e l’abbandono gli era stato imposto quel cognome di fantasia ed era stato subito dato in affidamento[4] alla famiglia di Giovanni Puricelli, di professione tessitore, nato il 19 luglio 1835 a Sacconago ma di famiglia originaria di Buscate e residente a Borsano. Qui, il 19 gennaio 1860, egli aveva sposato Purissima Rogora, figlia di Antonio e di Macedonia [sic!] Dorta, contadina e tessitrice come quasi tutte le donne della zona, la quale gli aveva dato sei figlie e un figlio: tre femmine morirono nelle prime 24 ore di vita, l’unico maschio morì di tisi all’età di sette mesi e un anno dopo, il 7 ottobre 1873, di tisi morì anche Purissima, a 34 anni.

Avendo tre figlie piccole[5], Giovanni cercò subito una seconda moglie: secondo l’usanza, un vedovo si risposava preferibilmente fuori paese e, infatti, domenica 8 febbraio 1874 sposò una giovane donna di Olgiate Olona, Felicita Cadoni[6]. Da questa, Giovanni ebbe: Rosa nel 1874[7], Luigi nel 1875[8], Natale nel 1876[9], Purissima Martina nel 1881, morta di bronchite l’11 aprile 1882, e Purissima Giuseppina nel 1884[10].

Fu la morte prematura della prima Purissima che spinse Giovanni a prendersi carico di un trovatello: Felicita avrebbe potuto allattarlo, evitando il rischio di mastiti, e la cura del piccolo l’avrebbe aiutata a fugare tristi pensieri; inoltre, il Brefotrofio avrebbe pagato il “baliatico”, un compenso non elevato ma sicuro[11]. Così il piccolo Simeone, nato due giorni dopo la morte della piccola Purissima Martina, fu allevato da Giovanni assieme ai figli avuti dalle due mogli.

Simeone rimase con i Puricelli anche dopo i 15 anni, quando cessò il sussidio dell’Ospedale, e anche dopo il matrimonio con Adele Caprioli, il 13 gennaio 1906[12]. I suoi figli Emilio, Pietro detto Pierino e Giuseppina[13] crescevano con quelli dei Puricelli, poiché anche Luigi e Giuseppe si erano sposati ed erano rimasti ad abitare nella stessa casa. Alla famiglia si aggiunse poi la madre di Adele, Maria Luoni, rimasta vedova il 14 dicembre 1912.

Allo scoppio della guerra Simeone fu arruolato nel 19° Reggimento Fanteria che, col 20°, formava la Brigata Brescia. Fino al 7 luglio 1915 essa restò di riserva nella zona di Lucinico, di fronte a Gorizia (che era ancora in mano austriaca) e in vista del Monte San Michele, che presto divenne per tutti un incubo. In effetti, esso è solo una modesta collina alta 275 m e lunga pochi chilometri, ma era un osservatorio eccezionale, e gli austroungarici l’avevano trasformato in una fortezza. Le quattro elevazioni principali erano denominate in tempo di guerra Cima Uno, Cima Due ecc. Il suo dedalo di trincee, camminamenti, gallerie e cannoniere formava, con il complesso Oslavia-Calvario-Sabotino, un caposaldo del campo trincerato di Gorizia che sbarrava saldamente la direttrice d’attacco di Cadorna, verso Tolmino e Lubiana. silci1

Qui fu trasferita la Brigata Brescia: il 18 luglio iniziò la Seconda Battaglia dell’Isonzo ed essa avrebbe dovuto occupare le quattro cime del San Michele e conquistare il paese di San Martino del Carso. Le prime linee austriache, Bosco Lancia, Bosco Triangolare e Bosco Cappuccio, furono conquistate e mantenute a caro prezzo. Furono anche catturati un migliaio di nemici, ma non si poté progredire sulla dorsale, che era diventata uno sfasciume ingombro di schegge e reticolati, pietre e cadaveri. Per l’accanimento dimostrato, la brigata ottenne la medaglia d’argento al valore militare.silci

L’11 agosto la brigata si spostò ad Aiello, vicino a Palmanova, per ricostituire i suoi organici decimati, e il 6 novembre tornò sullo stesso settore, trovando la situazione quasi invariata, nonostante i massacri della Terza Battaglia dell’Isonzo. E il 10 novembre iniziò la Quarta: la brigata attaccò ancora inutilmente le Cime 3 e 4 del San Michele e rientrò nelle posizioni il 21 avendo subito circa duemila perdite (520 morti, 1378 feriti e 129 dispersi). I combattimenti continuarono altrove e nel settore del San Michele ci fu solo qualche azione sporadica di pattugliamento e osservazione.

Fu proprio in questa situazione di relativa calma che Simeone Silci morì il 22 dicembre 1915. La dizione ufficiale “morto per ferite riportate in combattimento” significa che egli fu ferito dal fuoco nemico durante un combattimento, ma la morte sopraggiunse quando esso era cessato o in altro luogo, dove egli era stato trasportato: cosa diversa da “morto sul campo”. La morte dev’essere avvenuta prima che fosse possibile il ricovero, altrimenti nei documenti sarebbe indicato il numero dell’ambulanza o dell’ospedale; invece si trova scritto più genericamente: “sul Monte San Michele”, in ossequio all’abitudine di non menzionare con precisione il luogo.silci2

 

Dello stesso 19° Reggimento di Fanteria faceva parte anche il volontario Giuseppe Ungaretti, classe 1888[14], che, giunto in prima linea il 2 dicembre 1915, più di una volta aveva attirato le schioppettate austriache, con la sua mania di accendere fiammiferi di notte per annotare misteriose parole su foglietti di carta: «cartoline in franchigia, margini di vecchi giornali, spazi bianchi di care lettere ricevute… sui quali da due anni andavo facendo giorno per giorno il mio esame di coscienza, ficcandoli poi alla rinfusa nel tascapane, portandoli a vivere con me nel fango della trincea o facendomene capezzale nei rari riposi», come lo stesso poeta scrisse in Vita di un uomo.

Il 23 dicembre, il giorno dopo la morte di Silci, il poeta, dopo aver trascorso “un’intera nottata / buttato vicino / a un compagno / massacrato” in una trincea del Bosco Cappuccio, sotto la Cima Quattro del Monte S. Michele, scrisse la poesia Veglia, in cui partecipa fraternamente allo strazio del compagno ucciso ma, dopo l’atroce veglia di fronte all’orrendo spettacolo di morte, eleva un inno alla vita: “Non sono mai stato / tanto / attaccato alla vita”.

Tra l’11 e il 31 dicembre, sul Monte S. Michele il 19° Rgt. Fanteria ebbe solo sette militari di truppa morti (in media uno ogni tre giorni) e dieci feriti, e un solo ufficiale, il sottotenente Antonio Darà di Palermo, morì in zona per ferite proprio il 22 dicembre, lo stesso giorno di Silci. Non è allora troppo ardito pensare che il compagno di Ungaretti “massacrato / con la sua bocca / digrignata / volta al plenilunio” fosse proprio Simeone Silci.

È abbastanza verosimile che il 22 dicembre, appena fatto buio, una pattuglia sia uscita da una trincea di Bosco Cappuccio: presto si alzò la luna piena che illuminò il terreno e gli uomini, individuati dal nemico, diventarono il bersaglio di una sparatoria che ferì mortalmente il sottotenente Darà e il nostro Simeone Silci, inutilmente trascinato nella trincea di Bosco Cappuccio nel tentativo di soccorrerlo. Questo corrisponderebbe alla dizione “morto per ferite riportate in combattimento”.

 

Per i tre figli, il primo Natale di guerra, senza notizie del papà, fu certamente triste. Poi, quando la famiglia fu informata della sua morte, la disperazione si abbatté su tutti. La vedova Adele era malata, inabile al lavoro, e sua madre Maria aveva ormai 70 anni: difficilmente avevano stipulato un’assicurazione sulla vita, che diventò obbligatoria solo dopo la disfatta di Caporetto e la sostituzione di Cadorna con Armando Diaz, e il sussidio che avrebbero ricevuto dallo Stato sarebbe stato insufficiente a mantenerli tutti.

Ma la soluzione era lì, nella stessa casa. Luigi Puricelli, figlio di Giovanni, essendo nato nel 1875 non era stato chiamato alle armi, contrariamente al fratello Natale: come i suoi genitori si erano presi cura di Simeone, così Luigi ne accudì i figli, la vedova e la suocera. Una fratellanza non di sangue, ma di saldi affetti.

 

Vegliato da un poeta in una limpida e fredda notte di luna piena: così cent’anni fa concluse la sua vita terrena un trovatello che, abbandonato dai genitori, aveva trovato a Borsano accoglienza, affetto, amore.

 

FONTI ARCHIVISTICHE E BIBLIOGRAFICHE

  • Archivio Parrocchiale di Borsano, Registri dei Battesimi, Matrimoni, Morti.
  • Archivio Storico dell’ex Comune di Borsano, “Storico Cuggiono Borsano”, VIII – Leva e truppe, buste 20, 21 e 22.
  • Banfi, Giuseppe. Vocabolario milanese – italiano. 3a Milano, 1870.
  • De Marchi, Elena. Dai campi alle filande. Famiglia, matrimonio e lavoro nella “pianura dell’Olona” (1750-1850). Milano, 2009.
  • Fabi, Lucio. Una foto inedita di Ungaretti in guerra, in “Il Piccolo”, quotidiano di Trieste, 18 marzo 2013.
  • Livi, François. De Marco Polo à Savinio: écrivains italiens en langue française. Paris, 2003
  • Ministero della Guerra, Stato Maggiore del Regio Esercito, Ufficio Storico. Riassunti storici dei corpi e comandi nella guerra 1915-18. Vol. II, Brigate di fanteria. Roma, 1925.
  • Papini, Giovanni. Lettres italiennes, in “Mercure de France”, 16-III-1917.
  • Peters, Julian. Three WW1 poems by Giuseppe Ungaretti. In https://julianpeterscomics.com/veglia-by-giuseppe-ungaretti/, accesso ottobre 2015.
  • Regione Lombardia, Albo d’oro dei caduti lombardi della Grande Guerra. In http://albodorolombardia.it/ , accesso maggio 2015.
  • Ungaretti, Giuseppe. Vita di un uomo. Tutte le poesie, a cura di L. Piccioni. Milano,1969.

 

RINGRAZIAMENTI

Un sentito grazie a don Mauro Magugliani, Parroco di Borsano, e Claudio Fantinati, Assessore del Comune di Busto Arsizio, per aver consentito l’accesso agli archivi di loro competenza, e a Julian Peters che ha autorizzato la riproduzione della sua versione in fumetti della poesia Veglia di Ungaretti.

NOTE

[1] Alcuni morirono negli anni successivi per malattie (tubercolosi) contratte in guerra.

[2] Unico sostegno della famiglia, che comprendeva i genitori anziani, la moglie e due figli di uno e due anni.

[3] Anche il nonno paterno di Pietro Colombo era un trovatello di Milano, nato nel Brefotrofio nel 1804. Fino al 1825 tutti i trovatelli di Milano ricevettero il cognome Colombo o, raramente, Colombi e Colombino/Colombini. L’usanza derivava dal simbolo dell’Ospedale Maggiore, una colomba. Poi si passò all’uso di cognomi d’invenzione, e fu così che «… si è lasciata facoltà a certi cacherelli di chiamare Omiomi il tale, Alragno la tale bambina, ecc. Quanto eroismo, eh!» (Banfi, Colombitt, ad vocem). La stessa vergognosa abitudine si affermò in altri paesi, soprattutto in Francia (Nudité, Misère, Trompette, Homme de Loi, Ange Gardien, Perpétuel Regret e così via). L’abbinamento con un nome avente la stessa iniziale, oltre a dare esiti grotteschi o vergognosi, costituiva una sorta di “denominazione d’origine controllata”. Bastino questi esempi: Carlotta Carlevi, Giuseppe Gacapù, Ida Isetti e Isa Isotti. E che dire di Restituta Abbandonata?

[4] Questa pratica era molto frequente a Borsano fin dal Seicento: nel XIX secolo era così diffusa che ora le famiglie con cognomi di trovatelli sono quasi il 6% e il cognome Colombo è largamente il più diffuso. Le località più interessate da questa migrazione atipica sono Busto Arsizio, Magnago, Dairago e Villa Cortese, la bassa Valle Olona (da Fagnano a Legnano, San Giorgio e San Vittore) e, in minor misura, parte del Magentino (Boffalora, Bernate, Mésero, Casorezzo) e la fascia che da Muggiò arriva all’Adda (Cornate, Colnago) e scende lungo il fiume fino a Cassano d’Adda.

[5] Maria Luigia detta Maria, nata il 21 agosto 1860, Paola, nata il 27 giugno 1867 (il 19 gennaio 1889 sposò Carlo Santino Colombo) e Teresa, nata il 9 luglio 1869 (il 27 gennaio 1894 sposò Francesco Luigi Rabolini di Villa Cortese).

[6] Il matrimonio fu celebrato nel paese della sposa in ore antelucane, prima della prima messa: benché lecite, le seconde nozze erano pur sempre disdicevoli, da celebrare senza festeggiamenti né solennità. La situazione dell’Alto Milanese, di cui fa parte Borsano, non era dissimile da quella della vicina “pianura dell’Olona” (Nerviano, Pogliano, Vanzago, Cantalupo e Cerro), dove «il mercato matrimoniale era allargato» (gli sposi provenivano spesso da località diverse, seppur vicine) e un vedovo «poteva facilmente trovare una sposa nubile … I vedovi, in particolare quelli giovani, trovavano facilmente una sposa in tempi brevi» (De Marchi, pag. 227): Giovanni Puricelli aveva 38 anni e si risposò nel giro di quattro mesi.

[7] Rosa Angiola, nata il 21 agosto 1860.

[8] Luigi Benedetto, detto Luigi, nato il 22 luglio 1875; il 21 gennaio 1899 sposò Rosa Berra, nata il 25 agosto 1878. Simeone Silci fu padrino di battesimo di una loro figlia, Angela Petronilla, nata il 12 marzo 1906.

[9] Giuseppe Natale, detto Natale, nato l’11 novembre 1875; il 12 febbraio 1899 sposò a Borsano Adele Luoni.

[10] Purissima Giuseppina, detta anche Giuseppa, nata il 13 giugno 1884; madrina di battesimo fu la sorellastra Maria, tessitrice. Era uso frequente dare a una figlia di secondo letto il nome della prima moglie, così come dare al primogenito quello di un nonno o a un figlio quello di un altro figlio morto: indicava la continuazione della vita e della famiglia.

[11] È possibile che ciò fosse già avvenuto dopo le morti precoci degli altri figli avuti nel primo matrimonio, ma per accertarlo sarebbe necessaria una laboriosa ricerca nell’archivio del Brefotrofio. Nell’archivio della Parrocchia di Borsano sono documentati numerosi casi simili, anche di madri che, perso il proprio figlio, presero un bambino a balia (generalmente da famiglie milanesi) o un trovatello in affidamento e, morto questo dopo pochi giorni o poche settimane, ne presero un secondo.

[12] Anch’essa era tessitrice. Testimone per lo sposo fu Natale Puricelli.

[13] Nati rispettivamente il 22 ottobre 1906, il 31 marzo 1909 e il 12 ottobre 1912.

[14] Giuseppe Ungaretti nacque da genitori italiani ad Alessandria d’Egitto l’8 febbraio 1888. Dopo aver partecipato alla campagna interventista, all’entrata in guerra dell’Italia si arruolò volontario. Durante il servizio, quasi sempre in zona di guerra, scrisse numerose poesie su foglietti sparsi, che consegnò all’amico Ettore Serra, un giovane ufficiale conosciuto casualmente; questi li riordinò e nel 1916 fece stampare la raccolta di una ventina di brevi poesie col titolo Il porto sepolto, in 80 copie fuori commercio «avec une luxueuse simplicité» (Papini, pag. 330).

Advertisements
This entry was posted in comics, Giuseppe Ungaretti, new zealand centre for literary translation, Poetry Comics, Poetry translation, victoria university wellington, World War One and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Ungaretti’s Dead Comrade Identified? – An Article by Mario Colombo

  1. alice says:

    22 déc. 2015, cent ans d’un poème écrit dans l’horreur, et une éternité
    Que le troupeau d’imbéciles bénis
    Que nous sommes,
    A dérapé hors de la meilleure route possible.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s